Presidio alla Coca Cola Hbc in difesa del Contratto Collettivo dell’Industria Alimentare

Categoria: | 09-10-2020

Si è svolto oggi, 9 ottobre, il presidio delle lavoratrici e dei lavoratori dello stabilimento di Nogara (Vr) della Coca Cola Hbc in difesa del contratto dell’industria alimentare, rinnovato solo da cocaalcune associazioni di categoria lo scorso 31 luglio 2020. Presenti l’operatrice di riferimento, Cristina Boninsegna, e il nostro Segretario generale Matteo Merlin. Il presidio fa parte della prima iniziativa a tutela del ccnl con la proclamazione di uno sciopero di 4 ore.

Tra le associazioni non firmatarie c’è anche quella di cui fa parte la Coca Cola, una delle più grandi multinazionali presenti sul nostro territorio; l’obiettivo del presidio, sensibilizzare l’azienda a recepire comunque il contratto firmato a luglio a prescindere dalla volontà dell’associazione di riferimento; stiamo parlando di lavoratrici e lavoratori che durante la pandemia ha continuato a lavorare seppur non sempre in condizioni di sicurezza assoluta, garantendo l’approvvigionamento dei beni alimentare in tutti i supermercati. La distanza economica ( perché quella normativa era già stata condivisa) è di appena 13€: un importo talmente irrisorio che non possiamo credere che una grande multinazionale come la Coca Cola non possa sostenere.

Chiediamo dunque a gran voce che anche la Coca Cola aderisca al contratto nazionale per garantire a tutti i lavoratori e lavoratrici pari diritti e pari dignità!

INFO FAI