Consiglio Generale della Fai: economia, ambiente e tutela del territorio al centro della discussione.

Categoria: | 16-12-2019

Si è svolto giovedì 12 dicembre l’ultimo Consiglio Generale dell’anno per la Fai di Verona, in un clima davvero partecipato, nonostante il tempo non proprio clemente. Come sempre, tanti i temi affrontati dalla nostra organizzazione; il Segretario Generale ha illustrato alla platea il quadro politico-economico dell’Italia, caratterizzato da una profonda incertezza per il futuro. Necessario il passaggio sulla sugar e plastic tax, che potenzialmente potrebbero creare non pochi problemi al settore dell’industria alimentare; soprattutto, non sarebbero una soluzione al problema dell’inquinamento, ma andrebbero solo a colpire da un punto di vista economico una vasta gamma di aziende senza però andare a ridurre l’utilizzo di materiali inquinanti, il cui vero problema è la loro dispersione indiscriminata nel nostro ecosistema. Strettamente correlato a questo problema sono i cambiamenti climatici, con fenomeni atmosferici sempre più violenti ed improvvisi; da questo punto di vista la nostra Federazione svolge un ruolo chiave rispetto  alla tutela del territorio; come più volte sottolineato dal nostro Segretario Generale, la difesa dell’ambiente e la sua manutenzione non possono passare  se non attraverso il giusto riconoscimento agli addetti forestali e della bonifica, che da sempre controllano  e proteggono il nostro ambiente circostante. Infine, un passaggio doveroso sui numerosi contratti collettivi in scadenza, primo fra tutti quello dell’industria alimentare, che purtroppo ha visto nelle ultime settimane una battuta d’arresto. Hanno poi concluso la giornata gli interventi del Segretario Regionale Fai Andrea Zanin e la responsabile territoriale dell’Inas Monica Bombieri.

INFO FAI